1 giorno consegna da 15 magazzini locali a tutte le regioni degli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Italia, Francia, tutti gli altri paesi dell'UE, Dubai, Brasile, Giappone, Corea del Sud, Australia e NZ.
Parlate con il nostro chatbot Clawdia per avere risposte immediate o inviateci un'e-mail a support@fipmed.co per ricevere risposte entro 2 ore.

Che cosa succede durante le fasi finali della FIP nel gatto?

Final Stages of FIP in Cat

La diagnosi di peritonite infettiva felina (FIP) nei gatti è spesso straziante per i proprietari. È una malattia virale incurabile che può portare alla morte, a seconda del tipo e dello stadio. Sebbene sia possibile che un gatto sopravviva alla FIP, la comprensione delle fasi finali della FIP nel gatto può aiutare un genitore a gestire le proprie aspettative e a prendere decisioni informate sulla cura del proprio amato compagno animale.

In questo articolo discuteremo di cosa fare attenzione per poter fornire un supporto emotivo e cure palliative efficaci nel percorso di fine vita del vostro gatto con FIP.

Capire la progressione della FIP

La comprensione della progressione della FIP richiede la consapevolezza degli stadi iniziali che passano agli stadi avanzati, portando infine allo stadio finale.

Dagli stadi iniziali a quelli avanzati

La peritonite infettiva felina (FIP) è un virus insidioso e altamente letale nei gatti. La progressione della FIP può essere suddivisa in tre fasi, da quella iniziale a quella avanzata. Durante la fase iniziale, di solito non ci sono sintomi visibili, ma alcuni possono includere febbre fluttuante, perdita di peso, letargia, diminuzione dell’appetito o affaticamento.

Quando la malattia progredisce verso lo stadio intermedio, i gatti colpiti presentano segni clinici più pronunciati, come lesioni oculari e alterazioni neurologiche. Nello stadio avanzato della FIP, che può richiedere settimane o addirittura mesi per svilupparsi, i sintomi diventano più gravi e comprendono la formazione di clavicole sulle dita dei piedi, la respirazione affannosa, la febbre alta, l’ittero negli organi appena colpiti, come il fegato o i reni, le convulsioni o la paralisi e, infine, la morte quando si verifica un’insufficienza d’organo dovuta all’accumulo di liquidi nell’addome.

La diagnosi precoce attraverso gli esami di laboratorio è fondamentale per il successo del trattamento, per cui i proprietari di gatti dovrebbero farli visitare tempestivamente in caso di sintomi sospetti.

Identificazione delle fasi finali

Quando si cerca di capire la progressione della FIP (peritonite infettiva felina) nei gatti, è importante identificare le fasi finali. Sapere quando si è arrivati a questo punto aiuterà ad informare il trattamento e a monitorare le condizioni del gatto in modo più efficace.

È anche un momento in cui è possibile fornire ulteriore conforto e assistenza, dato che possono rendersi disponibili opzioni palliative.

Durante l’ultima fase della FIP, i gatti possono manifestare sintomi neurologici come convulsioni, cambiamenti nel comportamento, alterazioni della vista o problemi al sistema nervoso centrale come l’inclinazione della testa. Possono anche mostrare segni come l’infiammazione da uveite o addirittura la cecità se gli occhi sono colpiti in modo sufficientemente grave dalle lesioni della FIP in tutto il tessuto.

Inoltre, i segni non neurologici possono includere svogliatezza, letargia, diminuzione dell’appetito accompagnata da perdita di peso o anoressia e febbre alta con ittero, dovuti a una grave insufficienza d’organo che si verifica molto più rapidamente di quanto imporrebbero i normali processi fisiologici.

Sintomi neurologici

I gatti che hanno raggiunto gli stadi finali della FIP possono presentare crisi epilettiche, cambiamenti nel comportamento, problemi alla vista e complicazioni al sistema nervoso centrale.

Convulsioni

Le convulsioni nella peritonite infettiva felina (FIP) sono un sintomo importante e potenzialmente pericoloso per la vita. Se non controllate, possono causare gravi danni al sistema nervoso o addirittura la morte.

Le crisi epilettiche possono essere l’unico segno di FIP neurologica, ma spesso sono presenti altri sintomi come stato mentale anormale, alterazioni del comportamento, deficit dei nervi cranici, segni vestibolari centrali come atassia e tetraparesi (incoordinazione), iperestesia (iperattività) e movimenti insoliti che i proprietari dei gatti dovrebbero tenere sotto controllo.

La FIP neurologica si presenta di solito come un disturbo primario o secondario; i gatti con FIP neurologica primaria mostrano spesso segni clinici anormali, mentre quelli con malattia neurologica secondaria hanno malattie sistemiche sottostanti.

I gatti colpiti da FIP neurologica sono tipicamente giovani (l’età media è di 12 mesi), quindi una diagnosi e un trattamento tempestivi sono fondamentali per offrire prospettive positive a questi gatti e alle loro famiglie.

Cambiamenti nel comportamento

I gatti affetti da FIP possono mostrare una serie di cambiamenti nel loro comportamento con il progredire della malattia. Nelle fasi finali della FIP, questi segni possono indicare una forma più grave della malattia. I sintomi neurologici possono portare a comportamenti simili alla demenza, come confusione e disorientamento.

Inoltre, i gatti possono diventare sempre più letargici e chiusi in se stessi a causa del dolore o del disagio provocato dall’infiammazione del loro corpo. Questi cambiamenti apparentemente “improvvisi” possono essere difficili da identificare in un primo momento, poiché possono apparire in modo graduale nel tempo: ad esempio, un proprietario potrebbe notare che il suo gatto è diventato meno interessato a giocare solo dopo diversi giorni o settimane, prima di rendersi conto che questo fa parte della progressione della FIP.

Altri sintomi comportamentali associati a problemi neurologici sono l’alterazione dei cicli del sonno dovuta a crisi epilettiche e problemi di vista dovuti a uveite (infiammazione dell’occhio).

I gatti possono anche mostrare segni di iperattività o irrequietezza a causa di esacerbazioni come febbre o insufficienza d’organo. Infine, segni come il tremore incontrollato non devono mai essere ignorati; mentre alcuni tremori sono direttamente riconducibili alla FIP stessa, altri possono potenzialmente segnalare complicazioni gravi come danni epatici o renali che, se non trattati, potrebbero giustificare l’intervento immediato di un medico.

Cambiamenti di visione

Le alterazioni della vista, compresa la cecità, sono una possibile conseguenza della FIP nei gatti. Durante le fasi finali della FIP, i gatti possono sviluppare una pressione instabile all’interno dell’occhio, nota come glaucoma, di solito unilaterale.

L’aumento della pressione sul nervo ottico può provocare danni ai neuroni e causare cecità o disturbi legati alla vista. Inoltre, l’infiammazione intorno all’occhio può causare problemi oculari, bloccando il normale funzionamento delle palpebre, dell’iride e di altre strutture, causando gonfiore intraoculare ed emorragia, con conseguente uveite, che alla fine porta alla perdita della vista.

Per questo motivo è importante che i proprietari monitorino la vista del proprio gatto durante le fasi avanzate della FIP e che si rivolgano al veterinario in caso di segni di dimensioni insolite della pupilla o di arrossamento: questi sintomi potrebbero anche essere un’indicazione di una lesione indotta dalla neurite ottica che porta nuovamente a problemi di vista.

Problemi del sistema nervoso centrale

Nei gatti affetti da FIP è stato descritto un coinvolgimento del sistema nervoso centrale (SNC), che spesso provoca convulsioni e altri sintomi neurologici. I gatti che presentano anomalie del sistema nervoso centrale associate alla malattia possono manifestare cambiamenti nel comportamento, come irrequietezza o aggressività, disorientamento o confusione, cerchi – in cui sembrano rincorrere la propria coda – e alterazioni della vista, tra cui difficoltà a vedere o addirittura cecità.

Se si sospettano problemi al sistema nervoso centrale dovuti alla FIP, è necessaria un’immediata assistenza veterinaria, in modo che le misure per la gestione del dolore e le cure palliative possano essere messe in atto rapidamente per confortare e sostenere il gatto in questo momento difficile.

Sintomi oculari

Segni come infiammazione, fastidio oculare e cecità possono essere riscontrati nei gatti affetti da FIP nelle fasi finali. Per saperne di più su questi sintomi e su come gestirli, consultate il sito.

Infiammazione

L’infiammazione è una caratteristica fondamentale degli ultimi stadi della peritonite infettiva felina (FIP). La vasculite immunomediata, l’infiammazione dei vasi sanguigni e le reazioni infiammatorie piogranulomatose sono comuni quando il virus persiste nell’organismo dei gatti.

Può esserci una risoluzione iniziale dell’infiammazione, ma è solo temporanea perché la FIP alla fine progredisce. Anche i sintomi oculari si manifestano nelle fasi tardive; un esempio è l’uveite, caratterizzata dall’infiltrazione di macrofagi nelle lesioni oculari.

Uveite

L’uveite è una malattia oculare comune nei gatti, con la peritonite infettiva felina (FIP) nelle sue fasi finali. L’incidenza di segni oculari come l’uveite nei gatti con FIP è stimata intorno al 5-12%.

L’uveite può verificarsi sia nella forma “secca” che in quella “umida” della FIP, ma è più comunemente riscontrata nella prima. I gatti che soffrono di uveite presentano sintomi quali strabismo, sensibilità alla luce, lacrimazione e alterazioni del colore dell’iride.

Provoca un fastidioso prurito agli occhi ed è accompagnata da fotofobia o evitamento della luce, visione offuscata e persino cecità; se non trattata, può portare alla perdita delle lenti oculari entro alcune settimane dalla comparsa dei primi sintomi.

L’aspetto più preoccupante dell’uvite legata alla peritonite infettiva felina (FIP) è che tende a svilupparsi insieme ad altri segni clinici come perdita di peso, scarso appetito, diarrea o febbre, rendendo difficile una diagnosi precoce.

Se questi segni iniziano a comparire insieme, tuttavia, devono essere presi sul serio; i farmaci specifici per il trattamento dell’infiammazione devono sempre essere discussi con il veterinario prima di somministrarli a casa.

Cecità

Nelle fasi finali della FIP nei gatti, può verificarsi la cecità a causa di sintomi oculari come la neurite ottica e le lesioni oculari. La neurite ottica è un’infiammazione del nervo ottico che influisce sulla visione, portando spesso a una riduzione della vista o addirittura alla cecità completa.

Anche le lesioni oculari sono comuni nei gatti affetti da FIP, in particolare nei casi della forma secca; queste lesioni possono causare cicatrici sull’occhio o al suo interno, con conseguente riduzione dell’acuità visiva.

Inoltre, la FIP non effusiva può presentarsi con sintomi oculari come unico segno clinico: se questi segni non vengono identificati precocemente, possono portare a gravi danni e alla perdita della vista per il gatto.

È importante che i proprietari dei gatti siano consapevoli del possibile rischio di esposizione dei loro animali e che siano vigili, tenendo d’occhio (per usare un gioco di parole) i cambiamenti nel loro comportamento o qualsiasi manifestazione fisica come la formazione di lesioni intorno agli occhi.

Segni generali di FIP in fase terminale

I gatti con FIP in fase terminale possono presentare letargia, perdita di peso, anoressia, febbre alta e ittero.

Letargia

La letargia è un sintomo importante della peritonite infettiva felina (FIP) in fase terminale e può avere un profondo impatto sul benessere del gatto. La letargia si verifica quando i gatti si muovono molto meno, si sentono sonnolenti o fiacchi durante il giorno e, in alcuni casi, possono anche dormire per la maggior parte del tempo o per periodi prolungati.

Nei gatti affetti da FIP, la stanchezza è accompagnata da una diminuzione dell’appetito e da una perdita di peso dovuta al mancato apporto di nutrienti. Inoltre, i gatti sani sono noti per essere creature sociali che amano passare il tempo con i membri della famiglia, ma a causa della letargia causata dalla FIP le loro interazioni possono diminuire drasticamente, in quanto non mostrano più interesse a giocare e non si uniscono ad attività come guardare gli uccelli dalla finestra o presentarsi per i bocconcini al momento del pasto.

Perdita di peso

La perdita di peso è spesso un’indicazione del fatto che il gatto ha raggiunto gli ultimi stadi della peritonite infettiva felina (FIP). I gatti affetti da FIP possono presentare una diminuzione o assenza di appetito, con conseguente perdita di peso.

La perdita di peso nei gatti con FIP è molto probabilmente dovuta all’anoressia e all’infiammazione sistemica causata dal virus. Può anche essere accompagnata da letargia e svogliatezza, poiché il virus indebolisce il sistema immunitario e influisce sulla capacità dell’organismo di lavorare e assorbire i nutrienti dal cibo.

Oltre alla perdita di peso, altri segni di FIP in fase terminale possono essere la debolezza e la febbre. I gatti perdono appetito a causa della disidratazione o della nausea associata all’infezione, aggravando ulteriormente la perdita di punteggio della condizione corporea.

Anoressia

L’anoressia è un sintomo comune dei gatti nelle fasi finali della peritonite infettiva felina (FIP). Spesso si verifica quando il sistema immunitario del gatto è stato indebolito dal virus, l’anoressia descrive una perdita di appetito estrema e prolungata.

Questa mancanza di interesse per il cibo può portare a una significativa perdita di peso, al deperimento muscolare, alla letargia e alla diminuzione dei livelli di energia a causa di un’alimentazione inadeguata. L’anoressia può essere accompagnata anche da altri segni clinici, come ittero, febbre, convulsioni, cecità o alterazioni della vista e problemi al sistema nervoso centrale.

La causa di fondo dell’anoressia nei gatti con FIP in fase terminale è tipicamente dovuta all’infiammazione derivante dall’accumulo di fluidi corporei derivanti da organi danneggiati come fegato e reni, che aggrava ulteriormente le disfunzioni e le insufficienze d’organo esistenti causate dalla FIP stessa.

I gatti possono anche avere difficoltà a deglutire o addirittura provare dolore nel tentativo di mangiare, il che li porta ad allontanare qualsiasi interesse per le loro ciotole di cibo. Di conseguenza, i veterinari raccomandano spesso le cure palliative per una gestione confortevole, continuando a mantenere la salute fino alla morte dell’animale o alla disponibilità di un trattamento.

Febbre alta

La febbre alta è un segno clinico comune nella fase finale della peritonite infettiva felina (FIP) nei gatti. La febbre alta, tipicamente superiore a 104 gradi Fahrenheit, può essere causata da molti tipi di malattie e condizioni, tra cui infezioni o infiammazioni sistemiche.

Nei casi di FIP è solitamente legata a una disfunzione del sistema immunitario e a intensi livelli di infiammazione derivanti da un’infezione con il virus al lavoro. Le prime fasi includono spesso una febbre fluttuante che diventa più consistente man mano che la FIP progredisce verso lo stadio finale e può comportare il coinvolgimento degli organi insieme a sintomi sistemici in tutto il corpo.

È importante che i proprietari dei gatti controllino la temperatura del loro animale non appena notano segni che indicano una malattia, come pigrizia, diminuzione dell’appetito o cambiamenti nel comportamento, poiché tutti questi possono suggerire una possibile infezione da coronavirus associata alla FIP, se prima sono state escluse altre malattie infettive.

Se non gestita in modo appropriato, la malattia provoca un declino della salute e delle condizioni generali dei gatti, associato a gravi disagi che progrediscono fino alla morte, che avviene in media entro alcuni mesi dalla diagnosi, anche se può variare a seconda delle circostanze di ogni singolo caso.

Ittero

L’ittero è un sintomo frequente della peritonite infettiva felina (FIP). Si verifica quando c’è un accumulo di bilirubina nel sangue e nei tessuti, che può presentarsi come un ingiallimento della pelle, delle mucose o degli occhi del gatto.

Nei gatti con FIP, l’ittero si sviluppa a causa della compromissione del metabolismo e dell’escrezione della bilirubina. Di solito è causata dall’accumulo di liquidi in aree come l’addome a causa dell’infezione da virus della peritonite infettiva felina (FIPV), che compromette la funzione epatica.

L’ittero può essere osservato in circostanze diverse dalle malattie associate alla FIP, ma la sua presenza nelle fasi avanzate dovrebbe mettere in guardia i proprietari dal fatto che il gatto potrebbe essere affetto da FIP.

A seconda della forma della malattia (“effusiva” o “non effusiva”), l’ittero può essere più diffuso in alcuni stadi rispetto ad altri. Ad esempio, nei gatti affetti da FIP non effusiva (forma secca) si manifesta tipicamente in fase terminale, quando iniziano le lesioni agli organi e/o quando si verifica un’ascite intelligente, eccetera.

Insufficienza d’organo

Gli ultimi stadi della peritonite infettiva felina (FIP) possono essere devastanti sia per i gatti che per i loro proprietari. I gatti affetti da FIP possono andare incontro a una serie di gravi complicazioni, molte delle quali possono portare a un’insufficienza d’organo.

I reni sono il sito più comune di insufficienza d’organo nei gatti con FIP in fase terminale, ma anche il fegato può essere compromesso a causa di questa malattia. I sintomi associati all’insufficienza d’organo dipendono da quali organi vengono meno: ad esempio, l’insufficienza renale spesso comporta perdita di peso o anoressia, nonché un aumento del consumo di acqua e della minzione, mentre l’insufficienza epatica causa tipicamente ittero o ingiallimento intorno agli occhi e alla bocca.

Cambiamenti comportamentali nei gatti con FIP in fase terminale

I proprietari possono notare un cambiamento nel comportamento dei gatti con FIP in fase terminale, come nascondersi, respirare affannosamente, aumentare la sensibilità al tatto, alterare le abitudini di toelettatura e ridurre la mobilità.

Nascondersi

I gatti tendono ad affrontare il dolore e il disagio in modi diversi e questo è un segno di FIP in fase terminale. Uno dei comportamenti associati a questa fase della malattia è il nascondersi, poiché il gatto può sentirsi depresso o sopraffatto dalla sua condizione.

I gatti capiscono che possono trovare sicurezza e protezione da potenziali pericoli quando sono nascosti. Quando i loro livelli di energia si abbassano a causa di una malattia o di sintomi correlati, cercheranno di nascondersi più spesso del solito per lunghi periodi di tempo.

Questo comportamento di nascondimento potrebbe anche essere innescato da cambiamenti della vista; se la vista di un gatto inizia a deteriorarsi, potrebbe sentirsi spaventato o ansioso quando viene lasciato fuori in spazi aperti dove non può identificare rapidamente l’ambiente circostante, scegliendo quindi di ritirarsi in un luogo conosciuto dove si sente protetto da minacce sconosciute.

I proprietari di gatti dovrebbero offrire ai loro gatti affetti da FIP tanto amore, conforto e comprensione durante queste fasi finali, poiché anche piccoli gesti come accarezzarli possono aiutare a lenire i disagi emotivi e fisici legati alla malattia.

Un letto caldo coperto da una coperta (o qualsiasi altro oggetto desiderato) può creare un luogo invitante che li incoraggia non solo a riposare, ma anche ad alludere a nuovi ambienti, mantenendo sempre un certo controllo su ciò che accade intorno a loro, senza essere sopraffatti e senza richiedere più energia di quella già necessaria, dato il loro stato.

Difficoltà di respirazione

Nelle fasi finali della FIP, i gatti possono avere difficoltà a respirare. Ciò è dovuto all’indebolimento del sistema respiratorio causato dal virus, che può portare all’infiammazione e all’accumulo di liquidi nei polmoni.

È noto che l’accumulo di fluidi provoca nei gatti con malattia effusiva, uno stadio della FIP, problemi di respirazione normale. I gatti affetti dalla forma secca possono anche soffrire di oppressione toracica che ostacola i normali schemi respiratori.

In entrambi i casi, i gatti colpiti possono avvertire respiro affannoso e tosse durante questi periodi. A seconda della gravità dei sintomi respiratori, potrebbe essere necessario somministrare alcuni farmaci o trattamenti come l’ossigenoterapia per gestire efficacemente l’ostruzione delle vie aeree, al fine di migliorare la qualità della vita dei gatti affetti da questa patologia allo stadio finale.

Dolore o disagio

Molti gatti affetti da FIP nelle fasi finali provano dolore o disagio a causa dell’infiammazione e del gonfiore causati da questa malattia. I segni di dolore possono essere il nascondersi, la difficoltà a respirare, i cambiamenti di comportamento come il camminare, il gemere o il miagolare più del normale e i cambiamenti nelle abitudini di toelettatura.

La gestione del dolore è fondamentale per alleviare la sofferenza del gatto durante la progressione della FIP in fase terminale. Può essere fornita attraverso farmaci prescritti dal veterinario che mirano a sopprimere l’infiammazione associata alla FIP, ad esempio i corticosteroidi che possono ridurre anche altri sintomi come l’ittero.

Altre forme di sollievo dal dolore, come la terapia del massaggio accompagnata da una manipolazione delicata, sono note per fornire conforto nei momenti difficili verso la fine della vita dei gatti colpiti da questa malattia.

Abitudini di toelettatura

È normale che i gatti si tocchino almeno una o due volte al giorno. Tuttavia, questo comportamento può diminuire quando i gatti entrano nelle fasi finali della FIP. I proprietari di gatti dovrebbero monitorare le loro abitudini di toelettatura e se notano dei cambiamenti nella frequenza con cui il loro gatto si toglie la barba, potrebbe essere un’indicazione che sta succedendo qualcos’altro.

La riduzione della toelettatura potrebbe significare che l’animale soffre di una malattia di base o di un dolore dovuto a una malattia degenerativa delle articolazioni (DJD), a un dolore alla vescica, a una mobilità ridotta o a un altro problema legato alla FIP.

Se i comportamenti di toelettatura di un gatto cambiano sensibilmente durante la fase finale della FIP, è importante fornirgli conforto e sostegno, oltre a seguire le opzioni di trattamento raccomandate dal veterinario.

Per mantenere l’igiene del vostro amico felino, potete spazzolargli regolarmente il pelo e notare i casi più gravi, come le chiazze calve, che potrebbero indicare un’alopecia psicogena causata da un eccessivo strappo del pelo dovuto allo stress o all’ansia associati alla progressione della FIP in fase terminale.

Mobilità

Nelle fasi finali della FIP nei gatti, la loro mobilità è gravemente compromessa. Ciò significa che la capacità di muoversi e camminare diminuisce con il progredire della malattia.

In genere, ciò influisce sulla capacità del gatto di svolgere le attività quotidiane, come saltare sui mobili o correre in giro come al solito. Oltre alla riduzione dei movimenti, i gatti possono anche soffrire di rigidità e debolezza muscolare a causa degli organi danneggiati dalla FIP.

Di conseguenza, questi gatti possono avere difficoltà non solo a muoversi, ma anche a stare in piedi per lunghi periodi di tempo o a sedersi comodamente senza perdere l’equilibrio.

Cure palliative e opzioni di trattamento

Le cure palliative sono un’opzione a disposizione dei proprietari che si trovano ad affrontare questi problemi: fornire un maggiore comfort e supporto, monitorando i cambiamenti legati alle difficoltà motorie, può aiutare a garantire che i giorni rimanenti del gatto siano il più possibile confortevoli per lui; alcune opzioni includono l’utilizzo di dispositivi di assistenza come rampe che possono facilitare la salita delle scale, sedie a rotelle, se necessario, o la collocazione delle lettiere vicino al luogo in cui trascorrono la maggior parte del tempo a riposare, in modo da non dover percorrere lunghe distanze tra le aree di riposo e i luoghi di eliminazione, se necessario.

Fornire conforto e sostegno

Quando ai gatti viene diagnosticata la peritonite infettiva felina (FIP), è importante concentrarsi sul conforto e sul sostegno di questi amici pelosi in fase terminale.

I veterinari possono aiutare i proprietari di animali domestici a capire cosa aspettarsi dalla FIP e a fornire le migliori cure per la qualità della vita.

Le cure palliative o di conforto aiutano a mantenere i gatti il più possibile liberi dal dolore e soddisfatti durante la fase finale della vita. Questo tipo di attenzione medica si concentra sul controllo dei sintomi piuttosto che sul tentativo di curare una malattia terminale come la FIP.

I proprietari di gatti possono aspettarsi vari trattamenti, che possono includere farmaci, integratori, modifiche alla dieta, cambiamenti ambientali in casa, considerazioni sulla lettiera e altro ancora. I sintomi indesiderati della FIP avanzata possono spesso essere gestiti con steroidi topici che aumentano l’appetito e riducono l’infiammazione degli organi colpiti, come i danni al fegato o l’uveite, una complicazione oculare associata a questa malattia virale.

Gestione del dolore

La gestione del dolore è una parte importante delle cure palliative per i gatti con FIP. L’obiettivo della gestione del dolore è contribuire a ridurre il disagio, migliorare la qualità della vita e fornire il supporto necessario durante le fasi finali della malattia.

È stato dimostrato che un approccio multimodale è il più efficace nella gestione del dolore nei gatti affetti da FIP, perché aiuta a colpire molteplici aspetti e percorsi legati alla percezione del dolore da parte dell’animale.

Questi possono includere narcotici come il cerotto al fentanil o la buprenorfina, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e agenti neuropatici che possono controllare l’attività convulsiva associata ai sintomi neurologici causati dalla FIP.

Anche il trattamento con steroidi, in particolare il prednisolone, è comunemente utilizzato per le cure palliative nei gatti affetti da FIP; tuttavia la sua efficacia complessiva rimane controversa a causa dei possibili effetti collaterali, come problemi digestivi e immunosoppressione.

Assistenza nutrizionale

Un’alimentazione corretta è indispensabile per i gatti affetti da FIP, al fine di mantenere la loro salute generale e prevenire un ulteriore deterioramento. Considerate la possibilità di consultare un nutrizionista veterinario per assicurarvi che il vostro gatto segua una dieta ottimale, adatta alle sue condizioni, al suo livello di attività e alle sue esigenze individuali.

È importante che i gatti sottoposti a cure palliative ricevano pasti piccoli e frequenti nel corso della giornata, piuttosto che pasti abbondanti e infrequenti, in quanto possono essere digeriti più facilmente. L’apporto di proteine ricche di nutrienti, come il pollo, il tacchino o il manzo biologici, è essenziale per la costruzione della massa muscolare e il mantenimento delle funzioni corporee.

Assicurarsi che il gatto assuma molta vitamina C da fonti alimentari sane come spinaci, patate dolci e cavoli può anche aiutare a proteggere dalle infezioni grazie alle sue proprietà antiossidanti.

Infine, gli animali affetti da FIP in fase terminale hanno bisogno di molti liquidi, sia da alimenti come il cibo morbido in scatola per gattini, sia da integratori liquidi disponibili in commercio, acquistabili presso i negozi di animali o i rivenditori online.

Opzioni Hospice

Quando un gatto è affetto da una malattia terminale e si avvicina alla fine, l’assistenza in hospice può essere un modo misericordioso per accompagnarlo nella fase successiva della vita. La medicina palliativa veterinaria consiste nel rifiutare o sospendere le terapie curative per un animale al fine di fornire conforto e una qualità di vita dignitosa nella fase terminale della sua malattia.

Tra gli esempi vi sono la gestione dei farmaci per il dolore, il supporto nutrizionale, l’idratazione e il conforto emotivo attraverso il tatto e l’ambiente rassicurante.

L’assistenza in hospice non ha un requisito di età; è disponibile per qualsiasi tipo di gatto, dal gattino all’anziano, che affronta una malattia terminale come la FIP. Anche i gatti giovani con sintomi neurologici gravi possono trarre beneficio dalla gestione del dolore a basso livello, oltre che da trattamenti che si concentrano sul controllo dei sintomi piuttosto che su opzioni curative.

Una buona assistenza infermieristica, che enfatizzi elementi come la fornitura di lettiere calde, la copertura degli occhi durante le crisi, ecc. può contribuire a rendere ogni giorno più confortevole per i gatti che vivono i loro ultimi giorni.

Affrontare la perdita di un gatto a causa della FIP

Il lutto per la perdita di un animale domestico amato può essere difficile, per cui è importante cercare sostegno e creare modi per ricordare il felino, al fine di onorarne la memoria.

Il processo di elaborazione del lutto

Affrontare la perdita di un animale domestico amato a causa della FIP può essere un’esperienza incredibilmente difficile e la comprensione del processo di lutto è importante per aiutare le persone ad accettare la perdita.

Il lutto può assumere molte forme, che vanno da manifestazioni fisiche come dolori articolari o mal di testa, a risposte emotive come rabbia o tristezza. Sapere che questi sentimenti sono normali e comuni ci conforta in questo momento difficile.

Oltre al lutto generale in seguito all’eutanasia, possono sorgere anche emozioni specifiche in risposta alle perdite legate alla FIP, a causa della natura imprevedibile e spesso prolungata della malattia.

Alcuni proprietari di gatti possono sentirsi in colpa per non essere stati in grado di riconoscere prima i sintomi o preoccuparsi per quanto tempo il loro animale ha sofferto prima di richiedere l’assistenza veterinaria. Altri possono provare rammarico sapendo che non riusciranno mai a capire perché il loro animale domestico sia morto nonostante i trattamenti somministrati.

È essenziale che i genitori di gatti che affrontano questi sentimenti complessi associati alle perdite legate alla FIP trovino un sostegno emotivo negli amici, nei familiari – compresi gli altri gatti della famiglia – e in professionisti come i consulenti specializzati nell’assistenza al lutto.

Trovare supporto

Perdere un animale domestico amato può essere devastante, e il dolore per la perdita di un animale a causa della FIP è accentuato dalla sua repentinità. È importante che i proprietari di gatti che stanno affrontando una perdita del genere trovino fonti di sostegno ogni volta che è possibile.

Rivolgersi ad altri che hanno vissuto esperienze simili può dare conforto e rassicurare sul fatto che non si è soli nel proprio dolore. I programmi per la perdita di un animale domestico, come quelli offerti dalle università o dai rifugi per animali locali, possono fornire ottime risorse e persone con cui parlare delle emozioni condivise.

I gruppi di sostegno tenuti di persona o online offrono anche conversazioni più mirate relative alla FIP, mentre i servizi di consulenza aiutano a gestire la tristezza e ad adattare le aspettative di vita dopo la perdita di un caro amico.

Anche solo parlare con amici e familiari di ciò che hanno passato quando i loro animali domestici sono morti può dare sollievo a profondi sensi di colpa o confusione, soprattutto se la malattia poteva essere prevenuta grazie a una migliore conoscenza della malattia stessa.

Onorare la memoria del gatto

Per i proprietari di gatti il cui compagno è deceduto a causa della FIP, la perdita può essere devastante. È importante trovare il tempo e i modi giusti per riflettere e celebrare la vita di un amato felino che è stato perso troppo presto a causa di questa straziante malattia.

Mantenere vivi i ricordi in modo significativo può aiutare i proprietari di animali domestici ad affrontare il lutto e persino a portare conforto nei momenti difficili.

Creare uno spazio fisico o un’area in cui il proprietario possa ricordare il proprio gatto è un modo per onorarne la memoria. Un giardino o una zona speciale del cortile, ad esempio, potrebbe servire sia come luogo commemorativo in cui le persone possono ricordare e creare collegamenti (ad esempio, piantando fiori che erano i preferiti del gattino scomparso), sia come ricordo vivente quando quei pezzi fioriscono di nuovo ogni anno in omaggio a un individuo straordinario scomparso troppo presto.

Un album con le foto che documentano i momenti preziosi condivisi tra il genitore e il felino potrebbe anche portare conforto, fornendo un viaggio attraverso alcuni dei giorni più belli trascorsi insieme prima di allora.

I materiali per lo scrapbooking dedicati alle opere d’arte dei propri cari possono anche creare uno sbocco positivo per la riflessione dopo la perdita di un animale domestico, scrivendo storie sui ricordi preferiti, aneddoti divertenti, momenti commoventi catturati durante il tempo trascorso insieme prima di morire a causa di iniziative FIP e altro ancora Tributi come questi offrono forme di ricordo che illustrano quanto amore c’era – qualcosa di particolarmente risonante dopo eventi tragici come questi – creando percorsi in modo che coloro che non ci sono più vivano per sempre nei cuori, nonostante la tremenda perdita abbia preso la forma più tangibilmente visibile immaginabile: Quella presenza assente che si è sempre sentita, ma che ora non si vede più faccia a faccia in modo esplicito (introspettivamente parlando).

Riflessione sul viaggio con la FIP

Prendersi del tempo per riflettere sul viaggio con la FIP può aiutare i proprietari ad affrontare la perdita e a onorare la memoria del gatto in modi significativi.

Celebrazione della vita del gatto

La morte di un animale domestico amato è sempre straziante e piena di dolore. Quando il vostro gatto ha sofferto di peritonite infettiva felina (FIP) e alla fine muore, può essere particolarmente difficile affrontare la perdita.

Ci sono molti modi per onorare la loro vita e riconoscere il legame che avete condiviso con loro durante la loro permanenza sulla terra.

Un modo per ricordare il vostro amico peloso è creare un monumento commemorativo. Questo può assumere diverse forme, a seconda delle vostre preferenze, che si tratti di una targa incisa o della costruzione di un giardino in omaggio alla loro vita.

Potreste anche realizzare qualcosa di tangibile, come piantare un albero o un fiore all’aperto, creare un’opera d’arte o semplicemente incorniciare le foto che vi ricordano i momenti felici trascorsi insieme. Molte famiglie scelgono anche di fare donazioni in memoria del loro animale domestico a organizzazioni per la protezione degli animali che si occupano di aiutare i gatti ad avere una vita più sana.

È importante non solo ricordare i nostri gatti, ma è altrettanto importante iniziare il processo di guarigione dopo averli persi troppo presto a causa della FIP. Trovare un sostegno, che si tratti di parlare dei ricordi online o di cercare un consulente, se necessario, può aiutare entrambe le parti a onorare e lasciare andare allo stesso tempo, permettendo a tutti noi di chiudere questo viaggio verso l’accettazione.

error: Content is protected
0