1 giorno consegna da 15 magazzini locali a tutte le regioni degli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Italia, Francia, tutti gli altri paesi dell'UE, Dubai, Brasile, Giappone, Corea del Sud, Australia e NZ.
Parlate con il nostro chatbot Clawdia per avere risposte immediate o inviateci un'e-mail a support@fipmed.co per ricevere risposte entro 2 ore.

Peso del gatto sano e altri segni di gatti sani e non sani

healthy cat weight

Oltre a conoscere il peso sano del gatto, altri segnali che indicano se il vostro gatto non è in salute o meno possono aiutarvi a prendere le misure necessarie per mantenerlo il più sicuro e confortevole possibile.

In questo blog tratteremo i sintomi comuni associati a un gatto sano e a uno non sano, in modo che possiate riconoscere di conseguenza eventuali cambiamenti nel suo comportamento. Venite a scoprire a cosa prestare attenzione in termini di salute fisica e mentale quando ci si prende cura dei gatti!

Segni di un gatto in salute

Cercate occhi limpidi, abitudini regolari nella lettiera, toelettatura adeguata, appetito normale e comportamento giocoso, oltre a buone abitudini di sonno e fusa regolari.

Occhi chiari

I problemi agli occhi nei gatti sono un segno che qualcosa non va nella loro salute. I proprietari di gatti dovrebbero prestare molta attenzione agli occhi del loro animale per individuare eventuali cambiamenti, in quanto questi possono indicare la presenza di una condizione o di una malattia sottostante.

Quando si osservano gli occhi del gatto, questi devono apparire chiari e luminosi, senza nuvole o cambiamenti di colorazione. Arrossamenti intorno ai bordi, secrezioni da uno o entrambi gli occhi (soprattutto se verdi e spesse) possono essere segni di infezione o infiammazione che possono evolvere in condizioni più gravi come la congiuntivite.

Anche uno sguardo vitreo può indicare dolore; può essere accompagnato da strabismo, scuotimento della testa, zampate sugli occhi o altri comportamenti che suggeriscono disagio o malessere.

Il controllo regolare degli occhi del gatto per verificare l’eventuale presenza di anomalie aiuta a individuare tempestivamente i potenziali problemi prima che possano insorgere complicazioni. Rivolgersi tempestivamente alle cure veterinarie quando si notano anomalie consente di iniziare prima gli interventi terapeutici e di prevenire ulteriori danni causati da malattie trascurate che possono comportare la perdita della vista, ulcere corneali e altre possibili conseguenze attualmente non visibili quando si notano i primi cambiamenti negli occhi del gatto.

Abitudini regolari in fatto di lettiere

Uno degli indicatori più importanti per quanto riguarda la salute fisica di un gatto è la frequenza e il tipo di lettiera. Un gatto adulto in buona salute dovrebbe visitare la lettiera almeno una volta al giorno, in genere 3-4 volte al giorno.

Se il gatto visita la lettiera più o meno frequentemente, potrebbe avere una condizione medica di base che deve essere curata immediatamente, poiché ritardi più lunghi nell’emissione delle feci possono diventare molto pericolosi per i gatti.

La consistenza delle feci passate è altrettanto importante e di solito varia da forme solide e malleabili a forme più morbide come la pasta o addirittura fluide, a seconda dell’età e della dieta. Variazioni rispetto a questi parametri standard possono indicare costipazione, diarrea o altri problemi digestivi come la sindrome dell’intestino irritabile, che devono essere valutati immediatamente se non tornano rapidamente alla normalità dopo aggiustamenti ambientali come la modifica della dieta o della gestione (per esempio, l’aggiunta di zucca in scatola).

Una cacca costantemente molle potrebbe anche essere associata a carenze nutritive o a malattie sistemiche, quindi prestare molta attenzione a eventuali cambiamenti di consistenza è essenziale per la diagnosi precoce e il trattamento da parte dei veterinari se si notano cambiamenti prolungati nella regolazione del dispetto dell’ambiente interessato, come sopra menzionato).

Inoltre, mangiare i propri rifiuti potrebbe evidenziare un’anemia dovuta forse a una cattiva alimentazione, ma anche a una carenza di vitamine che richiede una terapia di integrazione a lungo termine e che alla fine porta a un buon recupero verso una vita di routine.

Per mantenere regolari le abitudini in fatto di lettiera, è necessario creare le condizioni adeguate per il proprio animale domestico, assicurando la disponibilità di pagine igieniche pulite che garantiscano un’adeguata profondità dell’area e pulendo tempestivamente, quando necessario, con detergenti sicuri e adatti alla pelle sensibile del micio.

Buona toelettatura

Una buona toelettatura è essenziale per la salute e il benessere generale dei gatti. Una spazzolatura regolare aiuta a prevenire l’opacizzazione del pelo, a mantenere un mantello sano e a individuare tempestivamente eventuali problemi o anomalie della pelle, facendo risparmiare tempo e denaro al veterinario.

Inoltre, avere un pelo pulito e lucido tutto l’anno aiuta il gatto ad avere un aspetto migliore! Se possibile, la toelettatura dovrebbe iniziare fin da quando i gattini sono piccoli, in modo da abituarli alla toelettatura fin dalle prime fasi della vita.

Quando spazzolate il vostro gatto, assicuratevi di farlo con delicatezza; evitate l’eccessiva forza o i movimenti veloci che potrebbero causare disagio e allontanare il vostro animale dalle sessioni future. Inoltre, la regolare rasatura delle unghie dovrebbe far parte della loro routine quotidiana; questo aiuta a ridurre il comportamento di grattamento (che protegge dalla noia) e a mantenere le unghie corte, il che può anche ridurre i danni domestici dovuti agli artigli affilati intorno ai mobili.

Appetito normale

Un gatto sano di solito ha un appetito costante. Una buona regola è quella di somministrare al vostro amico peloso una quantità di cibo proporzionata al suo peso ideale e alla sua età.

Di solito un programma di due o tre pasti al giorno funziona al meglio; modificate le porzioni in aumento o in diminuzione a seconda delle necessità, ma se notate cambiamenti significativi nell’arco di alcuni giorni, rivolgetevi al veterinario per assicurarvi che non vi siano problemi di salute alla base di tali cambiamenti.

In generale, i gatti necessitano di quantità adeguate di proteine di alta qualità, acidi grassi essenziali bilanciati, vitamine e minerali dalla loro dieta per mantenere un punteggio di condizione corporea (BCS) accettabile.

Comportamento ludico

Il comportamento ludico è una parte normale e sana dell’essere gatto, essenziale per mantenerli stimolati mentalmente e fisicamente. I proprietari di gatti dovrebbero essere attenti ai segnali che indicano che i loro gatti sono in buona salute, come ad esempio il fatto che giocano regolarmente sia con i giocattoli che con i vari oggetti presenti in casa.

Tra i segni di un gatto giocherellone ci sono le orecchie in avanti, la coda alzata, i baffi in avanti, le pupille leggermente dilatate e possono perfino inseguire la preda in casa: tutti comportamenti tipici della caccia! I gatti amano anche mordere o graffiare durante il gioco, cosa a cui i proprietari devono prestare attenzione perché, se troppo violenti, possono procurarsi delle lesioni.

Il gioco è un modo importante di fare esercizio per i gatti, perché li mantiene agili e attivi e arricchisce la loro vita stimolando l’attività mentale e il movimento fisico necessario per mantenersi in forma e in salute.

Buone abitudini di sonno

Un buon ritmo di sonno è un elemento importante per mantenere il gatto in salute. I gattini hanno bisogno di dormire fino a 20 ore al giorno, mentre i gatti adulti hanno bisogno di circa 15 ore o meno. Un sonno regolare e riposante aiuta a garantire che tutte le funzioni corporee rimangano sane ed equilibrate, oltre a mantenere i gatti emotivamente stabili.

Durante questa profonda fase di riposo, nota come sonno REM (rapid-eye movement), il corpo si ricostruisce e impedisce la sovrapproduzione di ormoni dello stress nel cervello. Quando i gatti non ricevono una quantità adeguata di riposo di qualità, diventano più facilmente agitati e subiscono cambiamenti nella salute fisica, come una riduzione dell’appetito o problemi digestivi come costipazione o diarrea.

Cercate di mantenere un ambiente coerente per il vostro gatto, che includa un luogo in cui si senta sicuro, come il suo letto o la sua coperta, una temperatura confortevole all’interno del suo spazio, bassi livelli di rumore, se non addirittura nessun rumore durante la notte (ad esempio, evitate di accendere luci forti), e l’assenza di interruzioni fastidiose da parte di altri animali presenti in casa durante il sonno (ad esempio, l’abbaiare dei cani).

Fusa regolari

Le fusa sono una delle vocalizzazioni più comuni che i gatti usano per comunicare i loro bisogni e le loro emozioni. Le fusa sono considerate un comportamento appreso dai gatti, che possono attivare e disattivare a piacimento.

I gatti fanno spesso le fusa in segno di soddisfazione o di gioia, di solito quando vengono accarezzati o si accoccolano con i loro simili. Viene utilizzato anche per placare gli animi quando si incontra uno scenario sconosciuto, per segnalare ai gattini l’approvazione di mamma gatta, per esprimere lo stress in momenti difficili come le visite dal veterinario o addirittura per aiutare a guarire ossa e tessuti dopo un infortunio, grazie alle vibrazioni create dalle onde sonore di frequenza compresa tra 20 e 140 Hertz.

Tutto ciò suggerisce che le fusa potrebbero essere più di un semplice segno di felicità per i gatti! Se le fusa felici possono certamente significare contentezza tra persone e gatti, quando il vostro micio fa le fusa sono coinvolte molte altre strutture emotive.

Segni di cattiva salute nei gatti

 

Alito cattivo

L’alito cattivo, o alitosi, è un sintomo comune di cattiva salute nei gatti. La causa più probabile dell’alito cattivo sono le malattie batteriche della bocca, come il tartaro e la placca. Tuttavia, è importante ricordare che ci sono molteplici fattori che possono portare all’alito cattivo nei gatti, tra cui malattie interne (come le malattie renali), carenze alimentari, condizioni di salute orale e mancanza di toelettatura.

Purtroppo una malattia dentale non trattata può provocare forti dolori al gatto e possibili danni agli organi se i batteri entrano nel flusso sanguigno.

Nel valutare se il vostro gatto possa avere o meno l’alito cattivo, prestate attenzione a qualsiasi cambiamento rispetto al suo odore normale (poiché tutti i gatti hanno qualche variazione in base alla loro dieta).

Se notate un odore insolitamente forte proveniente dalla bocca del gatto, potrebbe essere un segno di stomatite – un’infiammazione causata da un’infezione batterica nella bocca – che di solito ha un odore simile all’ammoniaca.

L’alito cattivo, accompagnato da arrossamenti, piaghe, sanguinamenti o placche sulla lingua/mucose, potrebbe essere il segnale di una malattia gengivale che, se non trattata, può evolvere in infezioni più gravi, con conseguenti dolorose procedure di cura per il vostro amico peloso!

Diarrea

La diarrea è un sintomo comune nei gatti e può essere causata da numerosi fattori come infezioni, parassiti, indiscrezioni alimentari o alcuni tipi di farmaci. Spesso non ci sono segni clinici associati a una diarrea lieve, ma quando si verificano segni più gravi di solito includono frequenti viaggi verso la lettiera accompagnati da feci liquide che possono contenere sangue o muco.

La disidratazione è sempre una preoccupazione quando si ha a che fare con la diarrea felina, poiché può svilupparsi rapidamente a causa delle piccole dimensioni del corpo; altri segni clinici sono la diminuzione dell’appetito, il dolore addominale e il vomito.

Rivolgersi a un veterinario se la diarrea persiste è molto importante per determinare la causa sottostante e risolverla in modo efficace. Il veterinario può consigliare esami diagnostici come l’esame delle feci o le radiografie dell’addome del gatto, oppure può analizzare l’anamnesi della sua dieta.

È inoltre importante monitorare attentamente i livelli di idratazione del gatto (test di elasticità cutanea) e fornire liquidi adeguati durante questo periodo attraverso soluzioni di reidratazione orale/sottocutanea fornite dal veterinario o sessioni di alimentazione aggiuntive durante il giorno con cibo umido ad alto contenuto di umidità.

Vomito

Il vomito nei gatti può essere causato da molti fattori diversi, come le palle di pelo o un disturbo gastrico. Di solito non è motivo di preoccupazione e si attenua poco dopo. Tuttavia, se il vomito è frequente o cronico, potrebbe indicare una condizione medica di base che deve essere esaminata.

I gatti affetti da qualsiasi malattia vomitano più spesso del normale e questo non deve essere preso alla leggera. Il vomito per più giorni di seguito può portare a disidratazione e malnutrizione, che potrebbero avere gravi conseguenze se non trattate.

Se il gatto ha vomitato una o due volte, potrebbe essere solo legato al cibo che ha mangiato, ma se succede più spesso è meglio portarlo a fare un controllo dal veterinario.

Oltre al vomito, è importante osservare anche altri segnali di problemi di salute, perché possono fornire indizi sulla causa interna del problema: diarrea, variazioni di peso, secrezioni dagli occhi o dal naso, drastici cambiamenti nei livelli di energia, letargia possono indicare problemi più profondi che devono essere affrontati tempestivamente.

Perdita di capelli

La perdita di pelo nei gatti, o alopecia, può far sembrare un gatto magro e stanco a causa della mancanza di pelo. Una dieta scorretta, allergie, pulci e zecche, stress o ipotiroidismo possono essere la causa della perdita di pelo nei gatti, che può iniziare improvvisamente a causa di una condizione acquisita o progredire gradualmente nel tempo a causa di una condizione di base.

È importante che i proprietari ispezionino regolarmente la pelle del gatto per individuare eventuali segni di perdita di pelo acquisita, come infiammazioni, cambiamenti di colore, ispessimento delle squame, tutti fattori acceleranti, nonché arrossamenti dovuti al prurito causato da sensibilità alimentari e allergie.

Anche lo stress può peggiorare notevolmente questi effetti. I gatti esposti ad alti livelli di ansia rischiano di sviluppare dermatiti intorno a zone delicate come gli occhi e le labbra, superate da macchie pruriginose in altre parti del corpo che portano alla completa perdita del pelo.La perdita del pelo, se trattata tempestivamente con modifiche ambientali come l’aggiunta di tiragraffi o la creazione di “soggetti sicuri”, aiuta a diminuire il disagio e a divertirsi, mentre la spazzolatura di routine, in particolare durante i periodi di muta, aiuta ad alleviare l’aspetto persistente, insieme a rimedi casalinghi raccomandabili, adattati ai singoli casi, sia che si tratti di problemi di salute che di età, ecc. anche se l’assistenza del veterinario è fortemente suggerita prima di somministrare qualsiasi forma di urgenza, soprattutto quando si incontrano casi gravi e persistenti.

Variazioni di peso

Quando si monitora la salute dei gatti, è importante tenere d’occhio eventuali cambiamenti improvvisi di peso. I gatti possono subire sia una perdita che un aumento di peso involontari, che possono essere indicativi di problemi medici sottostanti che richiedono ulteriori indagini.

Una perdita di peso inaspettata è spesso un segno che qualcosa non va nel vostro amico felino e non deve essere trascurata. La perdita di peso involontaria nei gatti può essere dovuta a semplici cambiamenti nello stile di vita o a malattie più gravi come problemi gastrointestinali o infestazioni da parassiti interni.

Altre possibili cause sono problemi dentali, endocrinopatie, pancreatite, cancro o ipertiroidismo, tutti fenomeni che possono essere accompagnati da un aumento dell’appetito, della sete e della minzione, nonché da vomito, diarrea e difficoltà di defecazione.

L’aumento di peso, invece, è causato principalmente da un consumo eccessivo di cibo/calorie, favorito dalla mancanza di esercizio fisico; quasi il 60% dei gatti domestici nel Nord America è in sovrappeso, il che indica che l’obesità è un problema prevalente nei gatti.

Scarico dagli occhi o dal naso

Lo scarico oculare e nasale può essere indice di varie condizioni di base nei gatti. Lo scarico oculare può presentarsi come un occhio torbido o gonfio, oppure può non aprirsi affatto. Può anche trattarsi di una fuoriuscita di lacrime da uno o entrambi gli occhi (epifora).

Alcuni tipi di problemi agli occhi possono provocare altri segni di malattia, come starnuti, ammiccamenti eccessivi e sfregamento del viso con le zampe. Possono anche avvertire affaticamento o diminuzione dell’attività a causa dell’irritazione provocata dalla patologia.

La secrezione nasale di solito è meno acquosa del liquido che proviene dagli occhi, e appare più simile al muco o al pus. Le perdite dal naso possono variare da chiare a giallo-verdi o marroni a seconda della causa, che è tipicamente legata a un’infezione, ma a volte possono indicare un altro tipo di problema di salute, come allergie o infiammazioni, se questi sintomi persistono per periodi più lunghi senza rispondere efficacemente alle opzioni di trattamento disponibili, come ad esempio le vaccinazioni e i regimi di medicazione, ecc.

Cambiamenti nel comportamento della lettiera

I cambiamenti nel comportamento nella lettiera possono essere un indicatore di cattiva salute nei gatti, quindi è importante prestare attenzione a qualsiasi differenza evidente. In generale, quando un gatto evita la lettiera o mostra cambiamenti nel modo in cui la utilizza (ad esempio, staziona in bilico sopra la lettiera senza usarla, scava intorno a essa senza eliminare, ecc.

Alcuni problemi medici che possono indurre il micio a cambiare le sue abitudini in bagno sono le infezioni del tratto urinario e della vescica, che causano dolore e disagio durante il tentativo di urinare.

Anche i cambiamenti nella dieta o nell’ambiente potrebbero potenzialmente portare a cambiamenti indotti dall’ansia nelle loro abilità socio-cognitive, come la comprensione dell’impacchettamento dei terreni in schemi rispetto alla diffusione dei comportamenti di toilette (come fare la pipì al di fuori dell’area designata).

Altre cause, come l’avversione per i tipi di lettiere utilizzate, possono essere presenti se improvvisamente si notano dei cambiamenti.

È saggio che i proprietari di animali domestici che notano questo tipo di cambiamenti non solo li osservino da vicino, ma agiscano tempestivamente rivolgendosi a un veterinario, anche esaminando campioni di feci prelevati in casa alla ricerca di indizi sulla causa dei problemi, in modo che i passi appropriati verso la risoluzione del problema possano procedere più rapidamente di quanto non sia possibile fare con metodi di prova ed errore, sperando che le ipotesi diano buoni risultati, piuttosto che con tentativi istruiti attraverso una diagnostica piatta e trattamenti suggeriti.

Zoppia o difficoltà di movimento

Zoppicare o avere difficoltà di movimento possono essere segni di cattiva salute nei gatti e non devono essere ignorati. Tra le condizioni più comuni che possono causare questi sintomi vi sono l’artrite, soprattutto nei gatti anziani, la rottura delle ossa e la dislocazione delle articolazioni, causata da una caduta o da una ferita.

Il calicetto zoppicante è un’altra condizione comunemente riscontrata nei gattini giovani che causa febbre, debolezza, tremori e zoppia.

È importante che i proprietari degli animali domestici riconoscano i segnali di allarme di un gatto non sano e si rivolgano al veterinario il prima possibile se osservano cambiamenti nei modelli di movimento o nel comportamento abituale dell’animale, come zoppicare o rallentare in generale.

Minzione anomala

Una minzione anomala può essere un sintomo di cattiva salute nei gatti e non deve essere trascurata. I problemi urinari possono essere dovuti a diversi motivi, dalle infezioni e dai calcoli urinari alle malattie renali e al diabete mellito.

Quando si tratta di problemi urinari del gatto, segni come l’aumento della sete o della minzione, la difficoltà a urinare (sforzo), l’eliminazione inappropriata al di fuori della lettiera, la presenza di sangue nell’urina o il dolore quando si cerca di urinare sono alcuni sintomi comuni che potrebbero indicare un problema di fondo.

Se il gatto presenta uno di questi sintomi, deve essere immediatamente sottoposto a una valutazione veterinaria. I gatti con infezioni alla vescica possono avere un bisogno frequente di uscire dalla lettiera, ma questo comportamento ha anche altre cause.

La prevenzione dei problemi urinari è fondamentale, quindi le diete ricche di umidità (come il cibo umido) possono aiutare a mantenere livelli di idratazione sani in ogni momento, contribuendo a prevenire potenziali IVU (infezioni del tratto urinario).

Tosse o respiro affannoso

La tosse e il respiro affannoso nei gatti possono essere indicativi di una grave patologia di base, soprattutto se accompagnati da difficoltà respiratorie. L’asma felina è una delle cause potenziali: i sintomi includono affanno, respirazione rapida, vomito e letargia.

Purtroppo, questo disturbo respiratorio spesso non viene diagnosticato fino a quando non raggiunge uno stadio avanzato. L’asma può ridurre drasticamente la qualità della vita del gatto, quindi un trattamento precoce è fondamentale per gestire i sintomi a lungo termine.

La tosse può anche indicare la presenza di un’infezione delle vie respiratorie superiori (simile a un raffreddore) o un’irritazione dei polmoni, delle vie aeree o della gola dovuta all’inalazione di qualcosa come fumo o particelle di polvere.

I proprietari di gatti dovrebbero sempre prendere sul serio la tosse e l’affanno, poiché entrambi sono segnali di difficoltà nell’apporto di ossigeno al corpo dell’animale, che potrebbero portare a ulteriori complicazioni di salute se non trattati a lungo.

Gonfiore

Il gonfiore nei gatti può essere un segno di un problema di salute esistente o sottostante. I gatti spesso presentano un gonfiore esterno intorno al viso, alle orecchie, alle zampe, alle articolazioni e allo stomaco che può peggiorare nel tempo.

È inoltre importante ricordare che il gonfiore può spostarsi da una parte all’altra del corpo o localizzarsi in presenza di un’infiammazione. Sintomi come vomito, occhi rossi, linfonodi ingrossati, stanchezza e scarso appetito possono accompagnare i segni di gonfiore nei gatti che cercano di combattere la potenziale malattia.

Se il gatto mostra segni di infiammazione, non deve essere ignorato, poiché periodi prolungati di gonfiore in qualsiasi area del corpo del gatto possono indicare malattie più gravi con effetti potenzialmente letali.

Per questo motivo è importante che i proprietari degli animali domestici si rivolgano immediatamente a un veterinario ogni volta che i loro gatti presentano gonfiori visibili, anche se non sembrano particolarmente gravi a prima vista o se sono presenti da un po’ di tempo senza cambiare significativamente nelle dimensioni o nella forma.

Sete eccessiva

La sete eccessiva, nota come polidipsia, è un segno di cattiva salute nei gatti. I gatti si mantengono idratati bevendo acqua e mangiando cibi umidi come carne cruda o cibo umido in scatola. Se il gatto inizia improvvisamente a bere più acqua del solito, ciò può essere indice di problemi di salute sottostanti, come il diabete mellito, le malattie renali croniche, l’ipertiroidismo o le infezioni del tratto urinario.

La sete eccessiva spesso porta a un aumento della minzione, che può causare disordini nella lettiera in altre zone della casa. Nei casi in cui la sete eccessiva è dovuta al diabete mellito, si può notare che il gatto mostra anche altri segni come la perdita di peso nonostante abbia un buon appetito.

Una perdita di peso non intenzionale potrebbe anche indicare una condizione grave, come una disfunzione renale o un’insufficienza epatica, che induce i gatti a bere più acqua del solito. Per garantire una salute ottimale al vostro gatto, è importante osservare eventuali cambiamenti nei suoi tratti di assunzione nel corso del tempo e, se necessario, rivolgersi a un veterinario in modo da poter gestire i sintomi tempestivamente e prevenire ulteriori complicazioni.’.

Letargia

La letargia è un segnale preoccupante che colpisce i gatti di tutte le età. È caratterizzata da una diminuzione dell’energia e dei livelli di attività, che fanno sì che i gatti sembrino più letargici del solito: possono giocare di meno, nascondersi o rifuggire dal contatto umano, mangiare di meno, non fare la toelettatura in modo adeguato e mancare di entusiasmo nelle loro attività.

Purtroppo le cause della letargia nei gatti sono molteplici: può essere un sintomo di condizioni mediche minori, come infezioni o disidratazione, o un’indicazione di malattie più gravi, come cancro, insufficienza renale e malattie cardiache.

È importante che i proprietari di gatti sappiano riconoscere quando il loro animale non si sente in sé e agiscano rapidamente se i sintomi persistono. I segni di letargia possono richiedere un certo periodo di tempo per svilupparsi, quindi controllate il vostro gatto regolarmente e fate attenzione a qualsiasi cambiamento nel comportamento che potrebbe suggerire una cattiva salute. Se osservate qualcosa di insolito nel comportamento del vostro micio nei confronti delle quantità di cibo, delle abitudini nella lettiera, dei ritmi di sonno, ecc.

Convulsioni

Le convulsioni sono uno dei problemi neurologici più comuni nei gatti e possono comportare contrazioni, scosse o spasmi muscolari. Le convulsioni possono assumere la forma di crisi generalizzate o di crisi di grande male, che comprendono la rigidità di entrambi gli arti e le convulsioni.

In alcuni casi, i segni di una crisi epilettica del gatto possono essere più lievi, come lo sfarfallamento delle orecchie e i movimenti di baffi, bocca e occhi. Altri sintomi potenziali legati alle crisi epilettiche nei gatti sono il comportamento a cerchio, la cecità o l’oscillazione quando si cammina, nonché l’irrequietezza e la sonnolenza.

Se il vostro gatto presenta uno di questi sintomi, è importante che parliate con il vostro veterinario per discutere le possibili cause di questi comportamenti insoliti, in modo da poter discutere le opzioni di trattamento appropriate.

Conclusione

È importante che i proprietari di gatti capiscano quali sono i segnali di un gatto sano e di uno non sano, in modo da individuare rapidamente eventuali problemi. Controlli regolari dal veterinario sono essenziali per mantenere il vostro compagno felino in ottima salute.

I segni più comuni di cattiva salute sono vomito, diarrea, variazioni di peso, zoppia o difficoltà di movimento, tosse o respiro affannoso e sete eccessiva. Un gatto normalmente sano ha occhi chiari, abitudini regolari nella lettiera, buone abitudini di toelettatura e livelli normali di appetito, tutti indicatori del suo benessere generale.

Prendendo nota di questi sintomi nei gatti, è possibile prendere subito le misure necessarie se qualcosa non va nelle condizioni del vostro animale: rivolgetevi immediatamente a un medico se si notano cambiamenti sospetti e investite in cure preventive a casa, come lettiere pulite e prive di pulci, eccetera, momenti di esercizio/gioco adeguati e diete bilanciate per garantire la loro salute ottimale nel tempo.

 

 

error: Content is protected
0