1 giorno consegna da 15 magazzini locali a tutte le regioni degli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Italia, Francia, tutti gli altri paesi dell'UE, Dubai, Brasile, Giappone, Corea del Sud, Australia e NZ.
Parlate con il nostro chatbot Clawdia per avere risposte immediate o inviateci un'e-mail a support@fipmed.co per ricevere risposte entro 2 ore.

4 Tipi di FIP del gatto: FIP umido, FIP secco, FIP Oculare, FIP Neurologica

La peritonite infettiva felina (FIP) è una malattia comune e fatale dei gatti. Non solo, ma ha anche più di una variante e può colpire il gatto in modi diversi. In questo articolo parleremo dei diversi tipi di FIP che possono manifestarsi.

Tipi di FIP nei gatti

La FIP può manifestarsi in tre modi diversi: una forma umida, effusiva, essudativa; una forma secca, granulomatosa, parenchimatosa, non effusiva; una forma mista. Peritonite fibrinosa, pleurite o pericardite con versamenti rispettivamente nell’addome, nel torace e/o nel pericardio sono caratteristiche del primo tipo. Il SNC e altri organi, compresi gli occhi, presentano alterazioni granulomatose nella seconda variante, che non presenta effusioni evidenti. Poiché ogni gatto con FIP presenta un versamento di grado variabile insieme ad alterazioni d’organo più o meno granulomatose, è stato stabilito che la differenziazione tra questi tipi non è utile (e giova solo al metodo diagnostico). Le forme possono anche trasformarsi l’una nell’altra. Pertanto, la FIP può semplicemente essere più o meno produttiva o essudativa in un particolare gatto in un momento specifico.

Differenze tra FIP secco e umido

FIP “secca” non effusiva

In alcuni felini, la FIP “secca” o non effusiva presenta un accumulo di liquidi minimo o nullo. Nella forma secca, gli occhi, il cervello, il fegato, l’intestino o altri organi del corpo sono spesso gravemente infiammati, il che può causare una serie di sintomi clinici. Per molti gatti con FIP non effusiva, i problemi agli occhi sono l’unico sintomo clinico.

Quando la malattia prende piede, la maggior parte dei soggetti colpiti si deteriora rapidamente, ma alcuni gatti possono funzionare normalmente per alcune settimane. Purtroppo, quasi tutti i casi di questa malattia portano alla morte.

Solo una piccola parte dei gatti esposti al coronavirus felino, sebbene potenzialmente in grado di causare la FIP, è in grado di difendersi da esso, il che porta alla malattia clinica nella maggior parte dei gatti infetti. Tuttavia, come già detto, quelli che si ammalano quasi sempre muoiono.

FIP effusiva “umida

La raccolta di liquido nel petto o nella pancia, che può rendere difficile la respirazione, è il sintomo clinico caratteristico della FIP effusiva. Altri sintomi sono l’inappetenza, la febbre, la perdita di peso, l’ittero e la diarrea.

DIAGNOSI DI FIP UMIDA E SECCA

Diagnosi della FIP effusiva

Il tipo effusivo della malattia è oggi più facile da diagnosticare rispetto al passato. La FIP effusiva può essere diagnosticata se si trova l’RNA virale in un campione di effusione (liquido drenato dal corpo), ad esempio, utilizzando una reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR). Tuttavia, per fare questo è necessario inviare un campione a un laboratorio veterinario esterno. Diversi test diagnostici disponibili presso l’ospedale veterinario possono escludere rapidamente una diagnosi di FIP esuberante, tra cui:

  1. Controllare il contenuto proteico totale dell’effusione; se è inferiore a 35g/L, la FIP è incredibilmente improbabile.
  2. Determinare il rapporto albumina/globulina nell’effusione; se è superiore a 0,8, la FIP è esclusa; se è inferiore a 0,4, la FIP è una condizione potenzialmente diagnosticabile ma incerta.
  3. Ispezionare le cellule presenti nel versamento; se la maggior parte di esse sono linfociti (un tipo di globuli bianchi), la FIP è esclusa come diagnosi.

Diagnosi di FIP non effusiva

Poiché le indicazioni cliniche della FIP non effusiva tendono a essere più ambigue e variabili rispetto a quelle della FIP effusiva, l’elenco delle diagnosi differenziali è sostanzialmente più lungo. Quando le seguenti condizioni sono soddisfatte, la diagnosi di FIP non effusiva deve essere presa in considerazione…:

Antefatto: Il gatto è giovane (meno di 2 anni) e di razza pura; i gattini di razza pura rappresentano quasi il 70% dei casi di FIP.

Eventi precedenti: Il gatto era sotto stress a causa di una recente sterilizzazione o vaccinazione.

Anamnesi: Il gatto può aver avuto l’opportunità di contrarre la FCoV a causa di fattori quali la provenienza da un gattile o da un rifugio di salvataggio o la recente introduzione di un gattino o gatto di razza. Gli indicatori clinici includono segni intra-oculari, anoressia, mangiare meno del solito, non aumentare di peso, non aumentare di peso, diventare anoressico e ittero.

Ipergammaglobulinemia; bilirubina elevata senza enzimi epatici elevati.

Linfopenia con anemia non rigenerativa, tipicamente moderata.

Sierologia: A causa dell’elevata incidenza della FCoV nei gattili di allevamento e di soccorso, questo parametro deve essere utilizzato con cautela. Il gatto ha un alto titolo di anticorpi contro la FCoV.

Se il gatto è sieronegativo, la FIP non effusiva può essere esclusa come diagnosi se il test anticorpale ha un’alta sensibilità. Il test FCoV Immunocomb (Biogal), il test rapido immunocromatografico (RIM) Speed F-Corona (Virbac) e il test RIM più rapido per la peritonite infettiva felina (MegaCor Diagnostic) si sono dimostrati tutti sensibili al 100% in uno studio che ha esaminato diversi test anticorpali FCoV disponibili in commercio.

Con due diversi tipi principali di FIP, i proprietari di gatti dovrebbero essere più informati su questo argomento, in modo da sapere come trattare al meglio i loro gatti nel peggiore dei casi. Se non si informano adeguatamente sui diversi tipi di FIP, possono contattare il loro veterinario per trovare un modo corretto di trattare la FIP nel loro gatto.

 

FIP oculare

Questo tipo di FIP può causare gravi complicazioni nei gatti, poiché penetra anche attraverso la barriera emato-oculare.

Barriera emato-oculare

La barriera emato-oculare nei gatti è un’importante barriera protettiva contro la diffusione della FIP. Questa barriera è composta da cellule che rivestono la camera anteriore dell’occhio e che agiscono per impedire agli agenti patogeni di penetrare e causare infiammazioni in quest’area sensibile.

Sebbene ciò renda difficile per un virus come il FCoV accedere alle strutture oculari, le lesioni possono verificarsi a causa della rottura delle barriere quando si verifica un’infiammazione cronica.

È stato inoltre dimostrato che gli inibitori delle proteasi come il GC376 non sono efficaci nell’attraversare la barriera emato-oculare, il che li rende meno utili nel trattamento dei casi in cui le strutture oculari possono essere colpite dalla FIP.

Affinché i macrofagi carichi di particelle virali possano entrare nelle strutture oculari, devono prima superare questo strato; senza un passaggio riuscito attraverso ogni strato successivo, la trasmissione della malattia non può avvenire.

Come la FIP secca si sviluppa in FIP oculare

La FIP secca è la forma più letale della malattia e può potenzialmente progredire in FIP oculare in circa un terzo dei gatti affetti da questo tipo. Nella FIP Oculare, o uveite, le lesioni oculari si sviluppano come risultato dell’indebolimento della barriera sangue-occhio dovuto al virus. Questo porta a un aumento dei livelli di glucosio che provoca gonfiore e infiammazione negli occhi.

FIP neurologica

La FIP secca può anche evolvere nella forma più pericolosa di FIP, la FIP neurologica.

La barriera ematoencefalica

La barriera ematoencefalica (BBB) è un importante strato protettivo formato da cellule speciali che rivestono le pareti dei piccoli vasi all’interno e intorno al cervello. Questa barriera estremamente stretta svolge un ruolo essenziale nel proteggere il nostro sistema nervoso centrale dai danni, bloccando i materiali potenzialmente tossici che circolano nel flusso sanguigno, comprese le tossine sistemiche.

Non sorprende quindi che quando questa barriera viene compromessa a causa di varie condizioni o agenti infettivi, si possano verificare disturbi neurologici come quelli che possono verificarsi in seguito alla FIP.

La FIPV, che provoca un’intensa reazione infiammatoria intorno ai vasi di vari tessuti, compreso il cervello, è una causa comune responsabile del 45-50% di tutti i casi di malattie neurologiche indotte da infezioni nei gatti.

In altre parole, la perdita di questo importante scudo può aumentare notevolmente il rischio di sviluppare complicazioni neurologiche derivanti dall’infezione da FIPV e avrebbe serie implicazioni sugli interventi terapeutici.

Come la FIP secca si sviluppa in FIP neurologica

In alcuni casi, la FIP secca può passare allo stadio successivo di FIP neurologica. La densità e la proliferazione dei globuli bianchi e dei monociti circolanti aumentano con il progredire della FIP secca. Queste cellule penetrano in modo persistente nel liquido cerebrospinale fino a generare uno stato infiammatorio che provoca danni neurologici.

La FIP neurologica colpisce principalmente il sistema nervoso del gatto, con sintomi più comuni come tremori, difficoltà di deambulazione (atassia), confusione mentale e comportamento aggressivo.

error: Content is protected
0