1 day delivery from 15 local warehouses to all US regions, Canada, UK, Germany, Italy, France, all other EU countries, Dubai, Brazil, Japan, South Korea, Australia & NZ.
Talk to our chatbot Clawdia for instant answers or email us support@fipmed.co for replies within 2 hours.

Trattamento della FIP del gatto: I progressi della medicina per la FIP salvano i gatti

Per i gatti è già disponibile un trattamento di provata efficacia contro la FIP. Tuttavia, a causa della mancanza di motivazioni finanziarie, attualmente non esiste un farmaco approvato ufficialmente per la FIP nei gatti. La terapia di supporto può alleviare il disagio ma non aumentare il tasso di sopravvivenza, come i farmaci antinfiammatori e il drenaggio di liquidi dal torace e dall’addome. L’eutanasia è stata l’opzione migliore in passato, data la rapidità e l’alto tasso di mortalità della malattia, ma oggi il trattamento può essere fornito con un alto tasso di successo.

Attualmente sono in fase di studio alcuni farmaci sperimentali, tra cui GS441524, GC376, CL-Pro e Remdesivir. Questi farmaci non sono attualmente accessibili legalmente per l’uso clinico nei gatti.

ANTIVIRALI (inibitori delle proteasi, inibitori delle polimerasi, analoghi dei nucleosidi)

Gli unici trattamenti che oggi danno speranza ai gatti con FIP sono il GS441524, un analogo nucleosidico, e il GC376, un inibitore della proteasi.

GS441524 rimane l’opzione migliore per il trattamento della FIP grazie ai tassi di ricaduta più bassi rispetto a GC376. Ha inoltre un’azione più rapida rispetto al Remdesivir. In effetti, il Remdesivir è un precursore del GS441524, quindi è necessario un passaggio in più per convertire il Remdesivir in GS441524 affinché possa funzionare.

 

GS-441524

È stato dimostrato che questo farmaco funziona bene in numerose situazioni. Ottenere è stato difficile. Il remdesivir, come già detto, è il protide o prodrug che l’organismo trasforma successivamente in GS-441524. La somministrazione del farmaco nella sua forma di protide o di prodrug aiuta a raggiungere le cellule del sistema immunitario che contengono i coronavirus immunosoppressori. In alcuni test sui gatti, il GS-441524 è stato somministrato nella sua formulazione originale, senza che si siano riscontrate percentuali di guarigione dalla FIP.

 

GS441524 è ancora la nostra migliore opzione di trattamento al momento. Tuttavia, a causa del costo elevato e della mancanza di accesso a questi farmaci, i proprietari di gatti dovrebbero impegnarsi maggiormente per evitare che il loro gatto contragga la malattia in primo luogo.

 

GC376

Il GC376 può essere considerato un farmaco antivirale ad ampio spettro che inibisce la Mpro di diversi virus, tra cui i coronavirus come FCoV, virus della diarrea epidemica suina (PEDV), SARS-CoV, MERS-CoV, SARS-CoV-2, coronavirus del furetto e del visone. GC376 è il prodrug di GC373, un altro inibitore delle proteasi a base dipeptidica.

Il trattamento della FIP nei gatti con GC376 è stato associato a effetti collaterali quali bruciore transitorio nei siti di iniezione, fibrosi sottocutanea, perdita di pelo e eruzione anomala dei denti permanenti nei gatti giovani [
4
]. Pertanto, sono necessari ulteriori studi per valutare i possibili effetti collaterali associati all’uso di GC376 nei modelli animali, prima del suo utilizzo negli studi clinici.

GC376 impedisce la replicazione del virus FCoV con un meccanismo diverso. Tuttavia, il tasso di ricaduta nei gatti trattati con GC376 è significativamente più alto rispetto a GS441524. Il GC376 si distingue quando i gatti hanno sviluppato una resistenza al GS441524, soprattutto nei casi di recidiva. Si consiglia di utilizzare invece il GC376.

Esistono anche studi di ricerca che dimostrano che la combinazione di GS441524 e GC376 produce risultati migliori e ha permesso una durata del trattamento più breve, pari a 6 settimane, invece delle consuete 12 settimane.

 

Interferone felino

L’interferone è ciò che l’organismo produce naturalmente in risposta a un’infezione virale. Esistono due tipi di interferoni a disposizione dei veterinari: l’interferone omega felino (Virbagen Omega,® prodotto da Virbac in Francia) e l’interferone alfa umano, disponibile con diversi marchi. È preferibile utilizzare l’interferone felino, perché gli interferoni sono specie specifici: funzionano meglio nella specie di origine.

L’interferone-omega è un’iniezione commercializzata per i gatti affetti da FIP. Un piccolo studio iniziale ha mostrato risultati promettenti e per un breve periodo è entrato a far parte del trattamento standard. È stato uno dei primi trattamenti disponibili per la FIP, ma il tasso di successo era basso.

Uno studio più ampio, in doppio cieco e controllato con placebo, non ha rilevato alcun beneficio dell’interferone. La questione sarebbe dovuta finire lì, ma il farmaco è ancora disponibile e le persone continuano a spingere il documento precedente senza fare riferimento a quello successivo.

 

CORTICOSTEROIDI (SOLO PER IL PALLIATIVO)

Durante la fase iniziale della malattia, possono essere necessari farmaci di supporto (sintomatici) per mantenere i gatti in vita abbastanza a lungo da permettere agli antivirali di agire. Tra i farmaci sono spesso inclusi gli antinfiammatori (corticosteroidi, FANS). È preferibile evitare di usare questi farmaci in modo eccessivo, se non per brevi periodi e solo se esiste un motivo valido per farlo, soprattutto nei gatti estremamente malati nei primi giorni.

L’obiettivo primario del trattamento della FIP è quello di impedire la replicazione virale nei macrofagi, che interromperà immediatamente la generazione delle varie citochine infiammatorie e immunosoppressive che producono i sintomi della FIP. Mentre alcuni farmaci, come i corticosteroidi (prednisolone) e i FANS (meloxicam), possono ridurre le citochine infiammatorie, il GS-441524 blocca totalmente queste citochine dannose. Entro 24-48 ore, FipMed induce miglioramenti significativi della temperatura, dell’attività, della fame e di altri sintomi. Questo miglioramento sarà significativamente maggiore di quello che può fornire qualsiasi altro farmaco. Di conseguenza, a meno che non ci sia una ragione impellente per continuare a usare altri farmaci, questi dovrebbero essere sospesi non appena si verifica un miglioramento evidente e costante dei sintomi della FIP.

Oltre a mascherare i sintomi correlati alla FIP, gli steroidi possono interferire con la distribuzione di GS-441524 attraverso la barriera emato-encefalica. Diverse ricerche hanno dimostrato che gli steroidi possono ridurre la permeabilità attraverso la barriera emato-encefalica. Nei gatti, la diminuzione della permeabilità può ridurre l’efficacia di GS-441524 e aumentare la probabilità di ricaduta.

 

GS 441524 Sicurezza come trattamento FIP

GS-441524 has been shown to be a safe and effective treatment option. The drug was originally developed as an antiviral treatment for humans but has since been repurposed for feline use.

Multiple studies have demonstrated that the drug does not cause significant adverse effects or toxicity when administered as directed.

Some cats may experience mild side effects such as nausea or lethargy during treatment. These symptoms typically resolve quickly and do not require intervention from a veterinarian.

 

error: Content is protected
0